Nuova Honda Jazz Hybrid, la prima ibrida del segmento B

1

Arriva sul mercato italiano la Nuova Jazz, l’evoluzione di uno dei più importanti modelli Honda che vede anche l’introduzione della versione ibrida, disponibile ora in tutte le concessionarie della rinomata Casa giapponese. Così, dopo i modelli eco-fiendly Civic Hybrid, Insight e Crz, Jazz Hybrid è l’ulteriore dimostrazione del continuo impegno di Honda nell’implementazione e nello sviluppo della tecnologia benzina-elettrico e segna l’arrivo nel segmento B della prima vettura ibrida. Il marchio “Jazz” già da qualche anno è sinonimo di spazio interno e versatilità, di ottimi motori che abbinano prestazioni, consumi contenuti e basse emissioni, di uno stile inconfondibile e raffinato. Il sistema Hybrid è lo stesso utilizzato nei modelli ibridi Insight e CR-Z, sfruttando a pieno i vantaggi della comprovata affidabilità di questa tecnologia. Dopo quasi due decenni di attività di ricerca e sviluppo e oltre 10 anni di vendite, il sistema di Honda ha dimostrato chiaramente di essere un sistema assolutamente versatile e sicuro, con oltre mezzo milione di veicoli sulle strade che quotidianamente beneficiano della sua combinazione di basse emissioni e ottima economia di esercizio. La nuova Jazz ibrida utilizza lo stesso sistema presente nella Insight, con lo stesso propulsore i-VTEC da 1,3 litri impiegato nel modello ibrido suo omologo. Con emissioni di anidride carbonica pari a soli 104 g/km, la Jazz è in assoluto l’auto con cambio automatico del segmento B con i livelli di CO2 più bassi, il cui consumo per il ciclo combinato è di soli 4.5 l/km. Il cambio CVT (Continue Variable Transmission) permette inoltre di ottenere il massimo comfort unito a silenziosità e fluidità di guida. Disponibili anche i comandi al volante per godersi appieno i 7 rapporti. Esteticamente, la Jazz Hybrid si distingue dall’attuale gamma Jazz per diversi elementi, tra cui, i fari anteriori, rivisitati con l’introduzione di un contorno di colore blu, i fanali posteriori, ora di colorazione chiara, la nuova griglia frontale, i paraurti rimodellati e l’elemento decorativo cromato posto sul portellone. Le novità riguardano poi alcuni aspetti dinamici della vettura: maggiore precisione dello sterzo, migliore comfort di guida, silenziosità. Questi risultati sono stati raggiunti grazie ad una rivisitazione del design di paraurti e parafanghi, ad una riduzione dell’altezza della vettura e all’adozione di gomme a bassa resistenza. Cosa molto importante, Jazz Hybrid non perderà nessuna delle tipiche caratteristiche di praticità della Jazz; infatti grazie al sistema ibrido Honda, che garantisce una maggiore compattezza d’insieme, questa versione sarà in grado di mantenere i suoi versatili “Sedili Magici” con 16 posizioni nonché i suoi ottimi 300 litri di capacità di carico. Il gruppo batterie e l’unità di controllo dell’alimentazione sono stati integrati nell’area sotto il pianale del bagagliaio, permettendo così di mantenere le stesse dimensioni in termini di capienza di carico e facendo sì che i Sedili Magici possano essere ripiegati nello stesso modo delle versioni non ibride. Questo significa che i sedili possono essere ancora ribaltati completamene per creare un vano di carico piatto con una capacità complessiva pari a 1320 litri, mentre le sedute dei sedili posteriori possono essere ancora ripiegate verticalmente per permettere l’alloggiamento di oggetti particolarmente alti. La versione 1.3 Hybrid Comfort CVT costa 18.550 Euro contro i 19.990 Euro della 1.3 Hybrid Elegance CVT.

www.honda.it

Condividi.

Circa Autore

1 commento

Lascia una Risposta


× 2 = quattro