Shell Eco Marathon 2010

1

eco-shell-ok

Un nuovo distretto dell’auto ecologica potrebbe muovere i primi passi in provincia di Ascoli Piceno, grazie al dinamico e giovanissimo team del Bic Omega Bielle Picene che ha corso alla Shell Eco Marathon 2010, con buoni i risultati e tante soluzioni tecniche da applicare nel campo della mobilità sostenibile. Gli scorsi 5-6 e 7 maggio, infatti, presso l’autodromo Eurospeedway di Lausitz si è svolta la 26° edizione della Shell Eco Marathon, in cui il team Bielle Picene di Bic Omega e Unicam hanno partecipato in una gara davvero emozionante e ottenendo un discreto risultato: la monoposto KoCo2  ha percorso 129 km con un litro di carburante. “Per noi è stata la prima volta alla Shell Eco Marathon. Questa esperienza c’ha insegnato a costruire un’auto da zero”- ha commentato Andrea Giordani, team manager Bielle Picene“abbiamo sperimentato nuove soluzioni per la mobilità sostenibile, convinti che riusciremo a farne tesoro anche nella nostra professionailità. Il prossimo anno faremo meglio… ”. La KoCo2, pensata per ridurre al minimo il consumo di carburante, è stata progettata all’insegna dell’essenzialità da un affiatato staff di giovani e brillanti ingegneri. Ne è conseguita una monoposto più piccola delle altre in gara con un peso complessivo di 38 kg e un’aerodinamica estrema. La carrozzeria in fibra di carbonio (spessore 0.9 mm) e il telaio in alluminio hanno garantito anche la sicurezza del pilota Laura Camaioni. Sono stati 213 e provenienti da 24 paesi d’Europa i team arrivati a Lausitz per partecipare alla più grande sfida energetica in una competizione che premia l’auto che percorre più km con meno carburante, organizzata dalla Shell per promuovere l’innovazione e la ricerca nel campo della mobilità sostenibile. Il progetto di partecipare alla Shell Eco Marathon è nato insieme al corso IFTS in “Tecnico superiore per la progettazione di veicoli per la mobilità sostenibile” finanziato dalla Regione Marche e gestito dal Bic Omega. Il team Bielle Picene si compone di alcuni allievi di questo corso che hanno dedicato il loro stage (presso la Picchio Spa) allo sviluppo della monoposto ecologica che ha corso a Lausitz. “Un progetto innovativo questo della Shell Eco Marathon. Un progetto sostenuto da più aziende del territorio nell’obiettivo di creare sinergie utili per rilanciare l’economia locale. Non bisogna smettere di essere curiosi, bisogna gurardare al di là dell’immediato. Stiamo verificando la possibilità di creare un distretto dell’auto ecologica che raccolga il prezioso know-how delle aziende del Piceno” ha sottolineato Pio Antognozzi, Presidente Selettra Srl.

Shell Eco-marathon in pillole
Lavoro di squadra, determinazione, tecnologia e innovazione questi i pilastri della manifestazione organizzata dalla Shell per promuovere l’innovazione nel campo della mobilità sostenibile. Protagonisti di questa iniziativa sono giovani ingegneri e progettisti provenienti da tutto il mondo. Davanti a loro, la sfida energetica del futuro: progettare, costruire e guidare un veicolo che consumi il meno carburante possibile. A vincere la Shell Eco-marathon non è il veicolo più veloce, ma quello che percorre più chilometri con meno carburante! Ma la Shell Eco-maraton è più di una semplice gara. È  una palestra per le menti dei ragazzi che partecipano e una rampa di lancio per la loro carriera.

Il team e l’auto
Bielle Picene è il team del Bic Omega del Università di Camerino per la Shell Eco Marathon 2010. Koco2 è la loro vettura: monoposto, tre ruote, 30 kg e percorre più di 1000 km con un litro di benzina. Leggerezza, efficienza aerodinamica e sicurezza sono i temi intorno a cui si è sviluppata la progettazione.

www.ecomarathon.bicomega.it

pilota-auto-shell

Condividi.

Circa Autore

1 commento

  1. Pingback: RunningWilli

Lascia una Risposta


4 × = otto